Bamboccioni: continuano a crescere. A quale età le diverse tappe verso l’autonomia?

Scritto il alle 12:10 da Redazione Finanza.com

I “bamboccioni” d’Italia continuano ad aumentare, più che nel resto d’Europa. Colpa della crisi. Dalle rilevazioni Eurostat è emerso infatti come a seguito della crisi economica, tra il 2007 e il 2014, la quota degli under 35 che vivono con i genitori è aumentata di 5 punti percentuali (dal 61% al 66%), una crescita superiore a quella registrata nell’area euro (dal 47% al 49%). Secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic, questa condizione è dettata essenzialmente dal fatto di non essere autonomi dal punto di vista economico (66%), come dimostra anche l’elevato tasso di disoccupazione giovanile in Italia. Secondo la maggior parte degli intervistati (58%), infatti, il prerequisito fondamentale per iniziare una vita autonoma è avere un lavoro.

Oltre a restare in famiglia più a lungo rispetto ai loro coetanei europei, quando i giovani italiani vanno a vivere da soli hanno comunque bisogno del supporto della famiglia. Questa necessità di supporto è avvertita maggiormente dagli uomini che delle donne (rispettivamente 79% contro 69%). Il supporto della famiglia è necessario principalmente per l’acquisto della casa o il pagamento dell’affitto (per il 67% del campione), mentre il 25% degli intervistati indica anche il pagamento delle bollette e il 22% ritiene sia importante l’aiuto che i genitori possono dare nella gestione dei bambini.

Ma oltre al distacco dalla famiglia d’origine, la strada verso l’autonomia è fatta di altre importanti tappe: il primo cellulare, la prima vacanza da soli, il primo motorino, la prima macchina. E per ciascuna di queste tappe c’è un’età più adatta. Per quanto riguarda i telefonini, il 71% degli intervistati ritiene che l’età migliore per comprarlo al proprio figlio sia quella compresa tra gli 11 e i 14 anni, mentre solo il 5% pensa sia opportuno regalare il primo cellulare entro il decimo compleanno. Per la prima vacanza senza i genitori la maggior parte degli intervistati (41%) crede che l’età giusta sia tra i 14 e i 17 anni, mentre 1 su 4 pensa che si debba aspettare la maggiore età. L’adolescenza è anche il momento giusto per il primo motorino. Il 57% degli intervistati acquisterebbe il primo scooter tra i 14 e i 16 anni, il 19% dopo i 17 anni, il 20% è invece totalmente contrario all’idea di comprare un motociclo a un ragazzo. Per quanto riguarda l’età giusta per la prima macchina, 3 intervistati su 10 (29%) ritengono coincida con il raggiungimento della maggiore età. Il 35% del campione pensa che sia tra i 19 e i 20 anni, mentre per il 24% dopo i 20 anni.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembra ormai ad un passo un primo accordo tra USA e Cina, un primo passaggio che poi necessiterà
Daimler e BMW hanno unito le forze per creare la nuova Powerhouse europea della mobilità all'intern
Il nuovo sistema multifunzione a colori A4 TASKalfa 351ci permette, a costi di gestione contenuti, u
Dall'analisi evoluta dell'osteoporosi, alla formazione digitale per le donne fino all'utilizzo d
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che si muove attorno a 20.250 punti in marginale rialzo rispetto al
In un mondo normale un analista o ricercatore che da mesi mette in guardia sulle reali condizion
Ivonne Forno, CEO di Laborfonds, il fondo pensione complementare territoriale del Trentino-Alto Adig
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harl
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra pas