Obbligo catene – gomme da neve : quando, cosa fare, modelli utilizzabili, codice velocità

Scritto il alle 17:10 da Redazione Finanza.com

 

 

 

E’ scattato lo scorso 15 novembre l’obbligo di utilizzo di pneumatici invernali o catene da neve a bordo. L’obbligo in verità era già scattato lo scorso 15 ottobre ma per un mese c’è stato un periodo di tolleranza nel quale non venivano comminate sanzioni in assenza dei pneumatici previsti.

L’obbligo scadrà il prossimo 15 aprile e ancora una volta sarà prevista una tolleranza di 30 giorni per smontare le gomme e sistemare quelle estive senza subire sanzioni in caso di controllo. A prescindere dall’imposizione di impiegare nuovamente i pneumatici estivi con i primi tepori primaverili, va considerato che è consigliabile seguire alla lettera la prescrizione per non incorrere in un precoce degrado della gomma invernale: oltre una certa temperatura di esercizio questo pneumatico si usura velocemente con tutti i rischi connessi.

Sul sito dell’Anas sono indicate tutte le strade, regione per regione, in cui vige l’obbligo di catene a bordo oppure di utilizzo dei pneumatici invernali (www.stradeanas.it), mentre ogni Comune ha la facoltà di stabilire l’obbligo per le strade di propria competenza. Se è vero che in gran parte di queste strade l’imposizione cesserà il 16 aprile, occorrerà anche tenere presente che sulle strade che presentano in genere condizioni climatiche più difficili, l’obbligo cesserà soltanto a fine mese.

Per essere in regola occorrerà montare pneumatici contrassegnati dalla sigla M+S, acronimo che sta per Mud + Snow, ovvero fango e neve, che può essere affiancata dal simbolo di una montagna a tre punte con un fiocco di neve (Snowflake) che certifica il fatto che la gomma ha superato il Test di omologazione comunitario 117 per condizioni invernali severe.

Altro aspetto importante è il codice di velocità: occorre verificare sul libretto di circolazione le misure dei pneumatici ammessi sulla tua auto. L’ultima lettera rappresenta il codice di velocità .

Se il codice di velocità riportato sulle gomme invernali è più basso di quello degli estivi, non potranno essere utilizzate nel periodo dal 15 maggio al 15 ottobre. Una soluzione di compromesso, praticabile solo da chi non fa molti chilometri, è l’utilizzo di ruote quattro stagioni.

Quanto alle sanzioni, nel caso si venga sorpresi dalle forze dell’ordine a percorrere una delle strade indicate nel dispositivo di legge senza avere montato gomme invernali, si incorrerà in una multa variabile da un minimo di 80 euro ad un massimo di 318 euro. Si potrà, in alternativa, avere montate delle ruote estive, ma per evitare la sanzione sarà indispensabile la presenza delle catene nel bagagliaio.

Altresì, nel caso in cui, dopo il 15 maggio, si venga fermati dalla polizia stradale e sorpresi a montare ancora pneumatici invernali: in quel caso scatta una sanzione pecuniaria che varia da un minimo di 419 euro ad un massimo di 1862 euro. Una multa salata ma giustificata se si considerano i rischi cui si va incontro con un treno di gomme non adatto alle alte temperature e perciò destinato a deteriorarsi e a costituire un pericolo per la pubblica circolazione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 3 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Analisi Tecnica Precisi precisi siamo al test della parte alta del canale ribassista e siamo al tes
Stoxx Giornaliero Buongiorno, finalmente lo Stoxx riesce a superare il massimo del 13/12 a 31
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, riprendiamo il discorso anche sullo storico indice in
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Raggiunto il target rialzista di breve, addirittura si tenta un allungo. La FED ha fatto la differ
Trading online, analisi tecnica e cinema sono gli ingredienti principali del nuovo roadshow di B
Nel post precedente vi parlavo del paradosso del mercato e di come sia “scollata” la realtà
Il quadro tecnico di breve periodo si conferma positivo nella seduta di oggi dove il Ftse Mib si por
Prima di iniziare, ieri sull'Economist è uscito un pezzo da manuale sul debito pubblico, una ve
L’App Postepay si arricchisce di nuove funzioni con l'intento di andare ulteriormente incontro all