Assegno congedo matrimoniale: cos’è, come chiederlo, quando spetta

Scritto il alle 09:28 da Redazione Finanza.com

Agevolazione che può essere chiesta dai neo sposi è l’assegno di congedo matrimoniale. Ma che cos’è, chi ne ha diritto e come puó essere richiesto? Ecco una piccola guida sull’argomento.

CHE COS’È L’ASSEGNO DI CONGEDO MATRIMONIALE

Per assegno di congedo matrimoniale si intende un periodo di otto giorni di congedo straordinario retribuito che i neo sposi possono richiedere in occasione delle proprie nozze. Questo permesso, una volta concesso, può essere utilizzato entro i 30 giorni successivi alla data del matrimonio.

Questa possibilità, però, non è concessa a tutti ma solo a persone che presentano determinate caratteristiche.

Per quanto riguarda l’importo, questo dipende dalla tipologia di lavoratore. Gli apprendisti, ad esempio, così come gli operai hanno diritto a sette giorni mentre i lavoratori marittimi a otto. In ogni caso, non è mai consentito superare gli otto giorni lavorativi.

CHI PUÓ CHIEDERE L’ASSEGNO DI CONGEDO MATRIMONIALE

Possono richiedere l’assegno di congedo matrimoniale Inps tutti i lavoratori assunti con regolare contratto da almeno sette giorni e che abbiano contratto matrimonio nei trenta giorni precedenti.

Non tutti i dipendenti possono farne richiesta peró. In particolare, possono richiederlo gli apprendisti, gli operai o i lavoratori marittimi di basso livello che prestano la loro opera in aziende di produzione, artigianali o cooperative.

Anche i lavoratori attualmente disoccupati possono fare richiesta ma nei 90 giorni precedenti la data del matrimonio devono aver lavorato per almeno 15 giorni in aziende che rientrano nelle categorie sopra menzionate. Hanno diritto all’assegno, infine, anche quei lavoratori che hanno un regolare contratto ma che si trovano per vari motivi in un periodo di sospensione dal lavoro.

COME RICHIEDERE L’ASSEGNO DI CONGEDO MATRIMONIALE

L’assegno di congedo matrimoniale Inps può essere richiesto attraverso i consueti canali dell’istituto previdenziale.

In particolare, coloro che sono in possesso di un contratto di lavoro devono presentare domanda al proprio datore entro 60 giorni dalla data delle nozze. Alla domanda va allegato anche il certificato di matrimonio oppure, in alternativa, lo stato di famiglia.

Per tutti i lavoratori che, invece, si trovano in uno stato di disoccupazione, la domanda per avere l’assegno di congedo matrimoniale Inps 2015 può essere presentata attraverso i canali del sito dell’Istituto (www.inps.it), un Caf o un patronato abilitato all’invio o, infine, contattando il call center dell’Inps stesso.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Analisi tecnica in action. Il grafico del benchmark mondiale delle borse, lo SP500, si fa molto
I mercati scontano il futuro. La valutazione che vediamo in borsa di un’azienda dovrebbe tener
Ftse Mib: l'indice italiano torna su una resistenza importante a 21.122 punti che se rotta in chiusu
Mi è stato chiesto (via mail) un parere su un'azienda tra le più difficili da decifrare. In passat
ll mercato del lavoro almeno da una trentina d’anni ha mutato pelle. Mentre prima un impiego press
Guest post: Trading Room #313. Settimana positiva per la borsa italiana che adesso si ritrova a co
Analisi Tecnica Vi propongo il grafico dell'indice che non e' soggetto al cambio di contratto. RIm
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, diversamente da quanto avevamo pronosticato, il princip
DJI Buongiorno a tutti, riprendiamo il discorso sull’indice industriale americano. Parti
Prima di occuparci della Brexit e di Trump, di guerre commerciali, subito una buona notizia dal