Mutui: in Italia la domanda non è under 30

Scritto il alle 17:02 da Redazione Finanza.com

Lasciare i sogni nel cassetto sembra, per i giovani italiani, un obbligo a cui è impossibile sottrarsi. Anche quando parliamo di comprare casa. I portali Mutui.it e Facile.it (http://www.facile.it/mutui.html) hanno analizzato tanto le richieste di finanziamento casa compilate, quanto le erogazioni ottenute dagli italiani nei sei mesi da marzo ad agosto 2015, scoprendo che la percentuale di cittadini di età inferiore a 30 anni che hanno richiesto un mutuo si è ridotta drasticamente, passando dal 17% al 9,7% in poco più di un anno. Se addirittura nelle rilevazioni del 2012 quasi un preventivo su 4 arrivava da under 30 – a dimostrazione di come, pure in periodi difficili, la voglia di comprare casa, facendo progetti di vita “adulta”, restava alta – adesso la precarietà diffusa e le difficoltà economiche sembrano aver persino tolto la voglia di provarci.
Questo generale scoraggiamento mostrato da parte dei più giovani appare in controtendenza rispetto ad alcuni dati positivi che emergono dallo studio dei due portali. Analizzando infatti le erogazioni di finanziamento registrate nello stesso lasso di tempo, i mutui ottenuti dai più giovani hanno raccolto una percentuale più elevata che in passato: siamo al 6,5% del totale, contro il 5% registrato in maniera stabile negli scorsi anni.

Il mutuo in cifre: la domanda
Passando in esame il campione di circa diecimila domande di mutuo, si nota come la richiesta tipo fatta dai giovani aspiranti mutuatari sia finalizzata in larghissima parte all’acquisto della prima casa: è l’obiettivo del 74% del campione. Se, infatti, isoliamo solo le domande di mutuo prima casa, quelle degli under 30 rappresentano il 17,5% del totale.
In termini di importo si punta ad ottenere cifre molto vicine alla media dei finanziamenti richiesti in Italia (114.000 euro), con cui coprire il 67% del valore dell’immobile da acquistare. Il tasso preferito è quello fisso (56%) – segno di una buona consapevolezza delle interessanti opportunità presenti sul mercato – mentre il tasso variabile, pur ai minimi storici, raccoglie solo il 36% delle domande.
Guardando le differenze che emergono a livello regionale, le regioni più attive sul fronte “mutui giovani” sono quelle in cui sognare casa è un po’ più semplice: prezzi medi degli immobili più bassi oppure maggiori opportunità di ottenere un lavoro stabile spingono gli under 30 di Veneto, Emilia Romagna e Sicilia a provare a comprar casa con più convinzione dei loro coetanei che vivono nelle altre regioni italiane. Di contro, i più restii a fare domanda si trovano in Sardegna e Lazio. Le regioni da cui provengono le domande più ingenti sono: Lazio (133.000 euro), Trentino Alto Adige (130.000 euro), Toscana (125.000 euro) e Lombardia (119.000 euro).

Il mutuo in cifre: le erogazioni
Questo il quadro della domanda, ma cosa succede in fase di erogazione? Quando si sottoscrive, il mutuo si fa più piccolo: diminuisce sia l’importo erogato (si scende a 107.000 euro), sia il loan to value (63%), dati che rivelano come gli immobili acquistati siano di valore medio-basso. Si conferma la predilezione per il tasso fisso, scelto dal 61% dei mutuatari; significativo, infine, che ben il 29% dei finanziamenti erogati sia una surroga.

«Visti i tassi ben più vantaggiosi di quelli offerti ai mutuatari anche solo qualche anno fa – dichiara Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it – è evidente l’interesse dei più giovani a vagliare e quindi scegliere opportunità migliori; segno, questo, di una generale maturità finanziaria di una buona fetta dei sottoscrittori più giovani. Il peso delle richieste da parte degli under 30, calato fortemente rispetto al passato, tuttavia, è sintomo di una generale demotivazione di questa fascia, che pure, al momento, è vista dal mercato come clientela interessante, a cui riservare offerte particolarmente convenienti.»
Di seguito il prospetto delle Regioni italiane riguardo agli importi richiesti dagli under 30 al momento della domanda di mutuo e alla percentuale delle loro richieste sul totale delle domande:

 

Regione Importo medio richiesto in euro
Abruzzo 106.000
Basilicata 97.000
Calabria 100.000
Campania 108.000
Emilia-Romagna 113.000
Friuli-Venezia Giulia 103.000
Lazio 133.000
Liguria 114.000
Lombardia 119.000
Marche 104.000
Molise 85.000
Piemonte 104.000
Puglia 101.000
Sardegna 97.000
Sicilia 100.000
Toscana 125.000
Trentino-Alto Adige 130.000
Umbria 95.000
Valle d’Aosta 98.000
Veneto 109.000

 

Regione Percentuale di domande provenienti da under 30
Abruzzo 8,4%
Basilicata 9,9%
Calabria 8,2%
Campania 8,9%
Emilia-Romagna 11,7%
Friuli-Venezia Giulia 9,5%
Lazio 8,0%
Liguria 10,1%
Lombardia 10,3%
Marche 8,5%
Molise 9,5%
Piemonte 9,8%
Puglia 9,5%
Sardegna 6,1%
Sicilia 10,9%
Toscana 9,3%
Trentino-Alto Adige 9,1%
Umbria 7,6%
Valle d’Aosta 8,9%
Veneto 12,0%

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
La scadenza per presentare gli adempimenti fiscali per il cosiddetto Spesometro, fissata al 28 sette
Ho già parlato mille volte ma questo grafico sintetizza alla grande la questione. Dal 2007, se
Ve lo ricordate Mario Draghi all'inizio dell'anno quando cercava di dimostrare che i saldi targe
Se già in ambiente geopolitico non era tutto limpidissimo, il week end non hanno fatto che rend
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Facendo trading da tanti anni ho imparato una cosa importantissima anche per la vita: spesso la solu
Anche se la FED inizia a dare segnali di inversione in ambito di politica monetaria, è evidente c
PREVISIONE - STO PER ESSERE SUPERATO DAGLI EVENTI MENTRE SCRIVO QUESTO POST ORE 11.18 DI
Cosa significa avere il controllo del mercato? Significa detenere importi e volumi tali da poter
Guest post: Trading Room #258. La settimana scorsa avevamo intravisto un breakout con un possibile