Fallimenti Banche: cosa succede se falliscono, chi paga, il Bail-in

Scritto il alle 09:52 da Redazione Finanza.com

 

‘Bail-in’. E’ questo termine anglosassone che gli italiani devono imparare a conoscere – e temere – per i prossimi anni. Il provvedimento, infatti, è stato approvato in via definitiva dalla Camera nei giorni scorsi, ma scopriamo meglio in che cosa consiste il bail-in e quali sono i rischi concreti per gli italiani.

Con il termine bail-in si intende l’obbligo per le banche che si trovano in una situazione di dissesto di attingere a risorse interne per il loro risanamento piuttosto che ad aiuti esterni come quelli statali (pratica, questa, tecnicamente definita bail.out). Ricorrere a risorse interne significa, più nello specifico, che gli istituti di credito potranno anche effettuare prelievi forzosi dai correntisti per ‘aggiustare’ i buchi di bilancio. Questa norma nasce dalla volontà – ma anche dall’insostenibilità – dei governi europei di continuare a coprire le perdite delle banche nazionali che da gennaio in poi dovranno provvedere da sole a mettere in ordine i propri conti.

Il provvedimento è stato preso per conformarsi alla direttiva europea numero 2014/59 che autorizza, appunto, il bail-in su azioni, obbligazioni e conti correnti con depositi superiori ai 100mila euro (al di sotto di questa cifra, infatti, i conti correnti sono protetti dal sistema di garanzia dei depositi, già in vigore). Sono esclusi dalla direttiva le cassette di sicurezza e il loro contenuto che rimane esclusiva proprietà del legittimo titolare.

Restano, però, alcuni nodi da sciogliere sull’argomento. Le opposizioni gridano allo scandalo e in particolare Peppe Grillo dal suo blog paventa la possibilità che la soglia attualmente in vigore dei 100mila euro possa gradualmente abbassarsi a 30mila, come già accade in Germania e a Cipro, nazione nella quale per prima è stato sperimentato il bail-in. Più nello specifico e stando a quanto si apprende dalle prime indiscrezioni, chi possiede più conti correnti in banche diverse, tutti sotto la fatidica soglia dei 100mila euro, non dovrebbe correre alcun rischio così come i co-intestatari di uno stesso conto, che sono entrambi protetti dalla soglia di garanzia per un importo totale, quindi, di un massimo di 200mila euro. I primi a rischiare dovrebbero essere, invece, gli azionisti dell’istituto di credito, indipendentemente dal valore delle azioni possedute, seguiti dai titolari di obbligazioni e solo in ultima istanza i correntisti. Stando alla direttiva, infine, anche i titolari di conti correnti on line – purché l’istituto di credito aderisca alla Fitd – sarebbero coperti dalle stesse tutele.

Al momento, la direttiva europea è stata pienamente recepita dall’Italia ed entrerà in vigore dall’1 gennaio 2016. Resta da vedere, però, quali saranno le specificità applicate dall’Italia visto che ad ogni paese comunitario è lasciata la facoltà delle modalità di applicazione. Nessuna conferma per il momento dal Governo che, invece, si affretta a gettare acqua sul fuoco per spegnere gli allarmismi sempre più crescenti dei titolari dei conti correnti. A parlare chiaro, però, c’è la direttiva 2014/59/UE.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
La scadenza per presentare gli adempimenti fiscali per il cosiddetto Spesometro, fissata al 28 sette
Ho già parlato mille volte ma questo grafico sintetizza alla grande la questione. Dal 2007, se
Ve lo ricordate Mario Draghi all'inizio dell'anno quando cercava di dimostrare che i saldi targe
Se già in ambiente geopolitico non era tutto limpidissimo, il week end non hanno fatto che rend
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Facendo trading da tanti anni ho imparato una cosa importantissima anche per la vita: spesso la solu
Anche se la FED inizia a dare segnali di inversione in ambito di politica monetaria, è evidente c
PREVISIONE - STO PER ESSERE SUPERATO DAGLI EVENTI MENTRE SCRIVO QUESTO POST ORE 11.18 DI
Cosa significa avere il controllo del mercato? Significa detenere importi e volumi tali da poter
Guest post: Trading Room #258. La settimana scorsa avevamo intravisto un breakout con un possibile