Assegno sociale: cos’è, come si chiede, come fare la domanda

Scritto il alle 11:30 da Redazione Finanza.com

L’assegno sociale rappresenta una casistica particolare nel panorama delle prestazioni pensionistiche presenti nel nostro Paese. Viene infatti accordato soltanto nel caso sussistano una serie di requisiti di carattere reddituale ed anagrafico e soltanto ai cittadini residenti sul territorio italiano. Quando il suo titolare si stabilisce definitivamente in un paese estero, l’assegno sociale viene a cessare automaticamente.

Per quanto concerne la platea degli eventuali beneficiari, essa comprende tutti coloro aventi almeno 65 anni e 3 mesi, con cittadinanza in Italia o godano di regolare permesso di soggiorno ove provengano da stato estero. Tutti costoro, per poter maturare il diritto, non debbono avere fonti di reddito o non raggiungere una determinata soglia stabilita annualmente dall’INPS. Alla determinazione del reddito concorre anche quello del coniuge e chi richiede l’assegno sociale non deve a sua volta disporre di altri redditi o averne comunque in una misura tale da rivelarsi inferiore alle soglie fissate di anno in anno per legge. E’ prevista comunque la possibilità dell’erogazione di un assegno in misura ridotta quando i soggetti non coniugati abbiano un reddito inferiore all’importo annuo dell’assegno oppure, nel caso di soggetti coniugati aventi un reddito familiare inferiore al doppio dell’importo annuo dell’assegno.

Il reddito che fa testo è quello relativo all’anno di presentazione della domanda. Stante la pratica impossibilità di dichiarare anticipatamente il reddito in questione, chi richiede l’assegno sociale può comunque optare per la dichiarazione presuntiva relativa agli emolumenti dell’anno precedente. In questo caso, sarà successivamente l’Inps a provvedere a calcolare il conguaglio.

Per quanto riguarda l’importo, esso si attesta per l’anno 2015 a quota 448,52 euro, che vengono corrisposti per tredici mensilità mentre l’attuale limite di reddito in cui rientra l’erogazione della prestazione ammonta a 5.830,76 euro annui.

Nella determinazione del diritto a riscuotere la prestazione, sono considerati validi tutti i redditi assoggettabili ad Irpef, quelli esenti dall’imposizione fiscale o soggetti a ritenuta d’imposta (ad esempio le vincite nei giochi a premi corrisposte a livello statale), le somme derivanti da interessi bancari o postali, oppure di titoli di Stato, eventuali vitalizi dell’Inail o le pensioni erogate da altri Stati, gli assegni di cui godono invalidi civili o i redditi derivanti dal possesso di fabbricati o terreni.
Non vengono invece computati nel calcolo il reddito dalla casa in cui si abita, eventuali indennità di accompagnamento come quelle spettanti agli invalidi civili, le liquidazioni per la fine del rapporto lavorativo, gli arretrati spettanti per i periodi di lavoro dipendente svolti in paesi esteri o l’assegno corrisposto agli ex combattenti della Prima Guerra Mondiale.

Come chiedere l’assegno sociale

La domanda può essere inoltrata esclusivamente in via telematica attraverso uno dei seguenti canali:
* web – avvalendosi dei servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto, www.inps.it;
* telefono – chiamando il contact center integrato al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;
* patronati e intermediari dell’Istituto.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sono tanto semplici li uomini e tanto obediscono alle necessità presenti, che colui che inganna
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Stoxx Giornaliero Buona domenica, anche questa volta lo Stoxx ce l’ha fatta, alla fine di u
Analisi Tecnica Rottura di forza della resistenza a 22300 con long black ma, subito la reazione d
Finora si è sempre speculato su quello che potrebbe accadere. Ma adesso le cose cambiano. Si pa
Tornando ai principi fondamentali, che possono schiarire le idee in momenti di difficile di interpre
Recentemente vi abbiamo proposto la bolla del secolo, si quella sulle obbligazioni sovrane, la c
Partenza positiva per le piazze finanziarie europee stamattina. Dopo la brusca flessione di ieri, gl
Loro fanno finta di nulla, nessuno problema, continuano ad introdurre gas soporifero in Europa,
Con la pubblicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 settembre 2017, n. 150