Baratto online per le aziende: risparmio fino a 20000 euro

Scritto il alle 17:12 da Redazione Finanza.com

Fino a più di 20mila euro in un anno. Tanto può risparmiare una piccola impresa che scambia beni e servizi utilizzando il baratto moderno. «Considerando una media azienda che scambia in un anno merce per 600mila euro – il 7% del proprio fatturato -, i minori costi saranno intorno ai 20-22.000 euro». La stima arriva da Apogeo Consulting, agenzia con sede a Seregno (Mb) specializzata nella verifica degli illeciti bancari che si è affidata a iBarter il primo circuito italiano per lo scambio multilaterale online. «Togliere una quota del proprio fatturato dal circuito bancario porta a non sostenere una parte dei costi – e degli interessi – che gli stessi i istituti di credito impongono alle imprese.

E non sono costi irrisori: gli oneri bancari possono infatti arrivare anche al 3-4% del fatturato di un’azienda, incidendo in modo significativo sull’andamento stesso dell’impresa», spiega Katia Galli, amministratore di Apogeo Consulting.

La formula del baratto moderno, così com’è stata sviluppata da iBarter, non prevede infatti il ricorso alle banche: le transazioni sono regolate da una moneta complementare, l’iBcredit (per comodità equiparata all’euro), e gli scambi di beni e servizi non necessariamente devono essere contestuali e di norma coinvolgono più soggetti. «È chiaro che non tutta l’attività aziendale può essere affidata al baratto. La quota ottimale, a seconda delle dimensioni di impresa e della tipologia, oscilla tra il 5 ed il 7% del fatturato. Si tratta comunque di una quota importante che, basandosi semplicemente sullo scambio di merci e servizi, può portare a un significativo risparmio, o meglio al mancato pagamento degli oneri bancari», prosegue Galli.

La stima di 20.000 euro fatta per un’azienda di medie dimensioni è solamente indicativa. «È l’esempio più classico di impresa che fa delle operazioni di acquisto e vendita. Se però consideriamo un’immobiliare che deve sostenere dei mutui oppure un’impresa che necessita di investimenti significativi sul medio lungo periodo, la quota degli oneri bancari tende inevitabilmente a salire». Sono elementi che spesso non vengono presi in considerazione. Continua Galli: «Tendenzialmente, davanti ad un estratto conto bancario più della metà degli imprenditori si focalizza sui movimenti e non bada alla parte remunerativa del denaro. Così sette imprese su dieci si trovano a pagare somme non dovute: talvolta sono quote minime che non giustificano azioni di risarcimento, ma in alcuni casi gli importi in gioco sono importanti».

Apogeo Consulting dal 2009 si affianca alle aziende dipanando numeri e percentuali e verificando la presenza o meno di illeciti bancari. Spiega l’amministratrice: «Parliamo di usura bancaria, richieste di commissioni di massimo scoperto che fino al 2009 erano considerate illecite ed anatocismo, ovvero il calcolo degli interessi sugli interessi pratica non consentita in Italia per i conti correnti aperti prima del 2000. La nostra azione è innanzitutto di verifica dei rapporti; solo in un secondo momento viene valutata l’opportunità di una causa di risarcimento».

Oltre ad un risparmio sugli oneri bancari, il sistema dello scambio permette di avere altri vantaggi. Come spiega Massimo Cirio, area marketing iBarter e tra i fondatori del circuito: «iBarter è un utile canale complementare di marketing per la promozione della propria azienda. Senza considerare il fatto che il pagamento in crediti fornisce maggiori garanzie, riducendo il rischio di insolvenza perché è iBarter che autorizza la transazione e trasferisce i crediti da un cliente a un altro, e il credito della vendita è immediatamente disponibile per essere speso presso altre aziende».

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembra ormai ad un passo un primo accordo tra USA e Cina, un primo passaggio che poi necessiterà
Daimler e BMW hanno unito le forze per creare la nuova Powerhouse europea della mobilità all'intern
Il nuovo sistema multifunzione a colori A4 TASKalfa 351ci permette, a costi di gestione contenuti, u
Dall'analisi evoluta dell'osteoporosi, alla formazione digitale per le donne fino all'utilizzo d
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che si muove attorno a 20.250 punti in marginale rialzo rispetto al
In un mondo normale un analista o ricercatore che da mesi mette in guardia sulle reali condizion
Ivonne Forno, CEO di Laborfonds, il fondo pensione complementare territoriale del Trentino-Alto Adig
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harl
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra pas