Italia: nel 2014 interrotta la tendenza all’aumento della povertà

Scritto il alle 16:39 da Redazione Finanza.com

Nel 2014 in Italia le famiglie in condizioni di povertà assoluta sono scese al 5,7% del totale delle famiglie dal 6,3% del 2013. Il dato emerge dal report dell’Istat sulla povertà in Italia diffuso oggi. Come precisa l’Istat, sono considerate in condizioni di povertà assoluta le famiglie che hanno una spesa mensile inferiore a quella necessaria per acquisire “l’insieme dei beni e servizi, che nel contesto italiano, vengono considerati essenziali per una determinata famiglia per conseguire uno standard di vita minimamente accettabile”.

Il calo del 2014 – segnala il Forum delle Associazioni Democratiche – interrompe la tendenza negativa che aveva visto l’incidenza della povertà assoluta in Italia salire dal 3,5% del 2007 fino al 6,3% del 2013. L’interruzione della tendenza al peggioramento dell’indice di povertà assoluta riguarda non soltanto l’intero paese, ma anche le tre grandi ripartizioni territoriali (nord, centro e sud). In particolare tra il 2013 e il 2014 l’indice di povertà assoluta passa nel nord dal 4,4% al 4,2%, nel centro dal 4,9% al 4,8% e nel sud dal 10,1% all’8,6%. Come i dati mostrano, gli indici di povertà assoluta sono molto più elevata al sud che nel resto del paese. Va inoltre segnalato che, al di là del miglioramento del 2014, i dati sulla povertà assoluta indicano una situazione estremamente grave. Nel 2014 sono state infatti ben 1.470.000 le famiglie (e 4.102.000 le persone) che non hanno avuto risorse sufficienti per acquistare l’essenziale per avere uno “standard di vita minimamente accettabile”. Si tratta di numeri assolutamente inammissibili per un paese economicamente avanzato come il nostro.

Il segnale positivo che si coglie nei dati del report sulla povertà in Italia nel 2014 – secondo il Forum delle Associazioni Democratiche – va considerato importante anche per l’analisi della congiuntura economica perché anticipa l’inversione di tendenza nell’andamento del prodotto interno lordo che si è verificata nel primo trimestre 2015. D’altra parte la riduzione dei livelli di povertà potrebbe confermare che è in atto un ridimensionamento della concentrazione della ricchezza, ridimensionamento che è essenziale sia per far affluire al mercato le risorse per sostenere la ripresa dell’economia sia per ridurre livelli di povertà inaccettabili in un paese civile.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembra ormai ad un passo un primo accordo tra USA e Cina, un primo passaggio che poi necessiterà
Daimler e BMW hanno unito le forze per creare la nuova Powerhouse europea della mobilità all'intern
Il nuovo sistema multifunzione a colori A4 TASKalfa 351ci permette, a costi di gestione contenuti, u
Dall'analisi evoluta dell'osteoporosi, alla formazione digitale per le donne fino all'utilizzo d
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che si muove attorno a 20.250 punti in marginale rialzo rispetto al
In un mondo normale un analista o ricercatore che da mesi mette in guardia sulle reali condizion
Ivonne Forno, CEO di Laborfonds, il fondo pensione complementare territoriale del Trentino-Alto Adig
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harl
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra pas