Biglietto Treno: come chiedere rimborso per ritardo o annullamento

Scritto il alle 13:29 da Redazione Finanza.com

Il treno è uno dei mezzi più utilizzati durante l’anno dai pendolari e durante la vacanze diventa spesso fondamentale per raggiungere i luoghi di villeggiatura desiderati.

Ecco una guida per sapere come procedere per ottenere il rimborso (parziale o completo) del biglietto in caso di di ritardo e/o di annullamento del viaggio.

Ritardo in Partenza

Sono due le opzioni disponibili per il viaggiatore (il ritardo deve essere superiore a 60 minuti):

rinuncia al viaggio con rimborso integrale del biglietto per la parte del viaggio non effettuata ed anche per il tratto che si desidera non utilizzare in seguito ad un’eventuale modifica del programma personale di viaggio. In questo caso, deve essere data possibilità all’utente di ritornare al luogo di partenza non appena possibile;

effettuare il viaggio o proseguirlo con lo stesso treno oppure utilizzando treni con percorsi alternativi (o anche con mezzi sostitutivi) purché il livello del servizio sia medesimo, non appena possibile e senza ulteriori esborsi economici.

Ritardo all’Arrivo

Il diritto al rimborso scatta a partire dal 60° minuto, più precisamente:
*indennizzo del 25 % del prezzo del biglietto e della prenotazione in caso di ritardo dal 60° al 119° minuto;

*indennizzo del 50% per ritardi dal 120° minuto e oltre.

A disposizione del viaggiatore, vi sono tre opzioni:

– con un bonus per acquistare entro 12 mesi un nuovo biglietto;
– in contanti se il pagamento è stato effettuato in contanti;
– riaccredito se il pagamento è stato effettuato con carta di credito.

Domanda di rimborso: quando e dove

La domanda di rimborso può essere presentata dopo 3 giorni dalla data del viaggio ed entro i 12 mesi successivi dallo stesso. E’ possibile farla presso:

*qualsiasi biglietteria delle stazioni italiane;
*l’agenzia di viaggio che ha emesso il biglietto;
*sul sito di Trenitalia, ma solo per i biglietti ticketless acquistati on line, utilizzando la funzionalità “Richiedi Indennizzo”;
*sempre sul sito Trenitalia, compilando il questionario online;
*chiamando il Call Center, solo per i biglietti acquistati con carta di credito tramite il Call Center o sul sito di Trenitalia.

Il rimborso deve avvenire entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta. Non si ha diritto a chiedere il risarcimento se prima dell’acquisto del biglietto Trenitalia aveva informato del ritardo (informazione diffusa tramite media, in stazione e sul sito prima dell’acquisto del biglietto) oppure se il ritardo, anche usando mezzo sostitutivo, permette di raggiungere la località di destinazione, rimane inferiore a 60 minuti.

Per i treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca è riconosciuto il rimborso anche in caso di ritardo compreso fra 30 e 59 minuti, mediante un bonus pari al 25% del prezzo del biglietto spendibile per viaggi successivi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -1 (from 1 vote)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Siamo arrivati a Pasqua e il mercato continua nella sua corsa al rialzo. Ma non si tratta solo pi
Il nostro Machiavelli non ha mai avuto la fortuna di conoscere Michelangelo Merisi, in arte Cara
Il nostro Machiavelli non ha mai avuto la fortuna di conoscere Michelangelo Merisi, in arte Cara
Io me lo immagino il buon Donald che canta la canzone dei Ricchi e Poveri, indubbiamente più ri
Ftse Mib: avvia la seduta in ribasso dopo aver toccato ieri i massimi da luglio 2018. 22.000 punti
Per motivi di contenimento della spesa pubblica, i trattamenti di fine servizio e fine rapporto, com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l'indice italiano resta sulla resistenza statica collocata a 22.000 punti. Livello importa
Non ho idea di cosa si inventerà Trump per sventolare ai suoi elettori un eventuale accordo con
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u