Niente sciopero ATM di Milano: i motivi della precettazione del 15 maggio

Scritto il alle 14:52 da Redazione Finanza.com
Trasporti pubblici regolari a Milano nella giornata del 15 maggio 2015

Nessuno sciopero nella giornata di domani venerdì 14 maggio da parte dei dipendenti dell’ATM, l’azienda dei trasporti milanese. Il Prefetto di Milano Paolo Francesco Tronca infatti, nella serata di ieri ha precettato la mobilitazione dei lavoratori organizzata dall’Usb trasporti, che avrebbe sicuramente messo in seria difficoltà il traffico cittadino, gravando di conseguenza sulla possibilità di giungere al sito espositivo dell’Expo di Rho-Fiera.

Pertanto i lavoratori dell’ATM dovranno assicurare il regolare svolgimento del servizio, che nel periodo dell’Expo è stato prolungato: metropolitana aperta fino alle 00.15 dal lunedì al venerdì e nel week-end  fino alle 00.45, con l’impiego di tram e autobus sostitutivi notturni
La motivazione che ha di fatto cancellato lo sciopero a Milano è il ricorso al provvedimento di precettazione da parte del Prefetto; tuttavia, la novità consiste che l’astensione proclamata è a livello nazionale, in quanto è stata indetta contro i provvedimenti del Jobs Act. Pertanto, a differenza del capoluogo lombardo, nel resto d’Italia lo sciopero del trasporto pubblico avra luogo, con orari diversi a seconda delle città.

Unica eccezione è Torino che, in seguito allo svolgimento del Salone del Libro, ha visto i lavoratori del GTT rinviare l’astensione al 24 maggio prossimo.

Cosa è la precettazione

Col termine precettazione si indica il provvedimento amministrativo straordinario col quale la competente autorità ( (il Presidente del Consiglio o un Ministro da lui delegato, o il Prefetto, in caso di sciopero  locale) impone il termine di uno sciopero.

La normativa è stata disciplinata con la legge n. 146 del 1990, e successiva modifica con legge n. 83 del 2000, e più precisamente permette la precettazione nel caso in cui “sussista il fondato pericolo di un pregiudizio grave ed imminente ai diritti della persona costituzionalmente tutelati di cui all’art. 1, comma 1°, che potrebbe essere cagionato dall’interruzione o dalla alterazione del funzionamento dei servizi pubblici di cui all’art. 1, con-seguente all’esercizio dello sciopero o dell’astensione collettiva” (art. 8 della legge).

Poichè nel caso di Milano il Prefetto ha ritenuto che la situazione del traffico locale avrebbe potuto aggravarsi in caso di astensione, ed il tentativo di conciliazione non è andato a buon fine, ha ritenuto di ricorrere all’ordinanza.

La legge comunque prevede la possibilità che l’ordinanza possa essere giudizialmente contestata dai destinatari, con impugnazione avanti al TAR, entro un termine brevissimo, senza però non sospendere l’immediata esecutività della precettazione.

L’eventuale inadempimento da parte dei lavoratori gli espone inoltre a sanzioni amministrative pecuniarie, irrogate dall’autorità precettante.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
FTSE Mib: Apre in lieve ribasso il listino italiano dopo aver evidenziato ieri una seduta interloc
Come già detto negli ultimi giorni continuiamo ad ignorare i dati provenienti dall'economia ame
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere dall’im
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di questa cri
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute precedenti anda
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di natura social
Non ci sono particolari novità, anche se lo SP500 ha dato qualche segnale di debolezza. La situaz