Facebook – Whatsapp: un pulsante le unisce

Scritto il alle 15:26 da Redazione Finanza.com
Facebook – WhatsApp : il pulsante che unisce

Tra WhatsApp e Facebook, dopo l‘acquisto dell’anno scorso per circa 19 miliardi di dollari: un investimento consistente per pensare di non sfruttare in qualche modo la popolarità di WhatsApp, aumentando al contempo quella di Facebook.

I primi fortunati utenti a poterla vedere sono stati quelli in possesso di sistema operativo Android, considerati al momento i beta-tester, e inseriti nella speciale lista degli utenti che per primi hanno la possibilità di sperimentare le piccole e grandi rivoluzioni del social network più amato al mondo. Il pulsante in questione si contraddistingue dalla scritta ‘Send’ e dall’inconfondibile logo verde di WhatsApp e permette di condividere e, ovviamente, commentare gli aggiornamenti di Facebook direttamente sull’applicazione.

Posizionato accanto all’ormai celebre tasto del ‘Mi piace’, la nuova funzione promette di essere non solo una piccola rivoluzione nel mondo social ma anche e soprattutto il primo passo verso un’integrazione più consistente dei due universi, integrazione che da sempre è fortemente voluta soprattutto da Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, che un anno fa spinse in maniera decisa per l’operazione WhatsApp.

Integrazione, quindi, fra Facebook e WhatsApp. In attesa che il nuovo tasto ‘Send’ sia disponibile per tutti, è però possibile provare a scaricare la versione numero 31.0.0.7.13 di Facebook per scoprire se si appartiene alla lista dei pochi eletti che possono vedere in anteprima l’innovazione. Questa rivoluzione si va ad aggiungere ad un’altra novità che l’applicazione dall’icona verde aveva presentato recentemente ai suoi utenti – ma ancora una volta a beneficiarne sono stati, per il momento, solo quelli con sistema operativo Android: la possibilità di chiamate vocali direttamente da WhatsApp, semplicemente premendo il tasto contraddistinto dalla cornetta di un telefono.

La corsa all’integrazione, dunque, è già iniziata e chi temeva una fusione fra le due realtà della comunicazione virtuale ormai non può che mettersi l’animo in pace. Ancora non è chiaro, però, il grado di fusione che i vertici di Facebook hanno intenzione di raggiungere. Appare abbastanza evidente che l’obiettivo di Zuckerberg sia quello di unire i contatti di WhatsApp e di Facebook: i due colossi possono vantare, sommati, circa 2,2 miliardi di utenti, occasione  per diventare ancora più appetibile agli occhi degli investitori pubblicitari. Conferme sulle strategie da seguire per il momento non ce ne sono ma rumors provenienti dagli ambienti vicini ai vertici del popolare social network assicurano che non verrà mai portata a termine una fusione completa e che la popolare app manterrà sempre e comunque una sua indipendenza. In effetti dalle prime immagini circolate in rete del nuovo tasto ‘Send’ – diffuse dal sito GeekTime che da sempre offre anticipazioni attendibile dal mondo web – le voci sembrano confermate in quanto l’integrazione fra i due avviene esclusivamente a discrezione dell’utente.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla
Il 14 febbraio2018,  è stato firmato l'Avviso comune e il relativo documento tecnico sulla costitu