Periscope: il video social network online

Scritto il alle 22:30 da Redazione Finanza.com

 

C’è grande attesa per Periscope, il social network dei video acquisito da Twitter con un esborso di cento milioni di dollari, che fa seguito a quelle di Vine e Vimeo e che testimonia la volontà di espansione del sito di microblogging.

Lanciato da pochi giorni, Periscope è considerato come la nuova frontiera del video streaming da mobile e, in base a quanto affermato dal team che lo ha sviluppato, ha preso come modello il teletrasporto, consentendo a chi vuole contribuire di accendere la videocamera e mostrare in presa diretta ai propri followers cosa stia combinando in quel momento, caratteristica decisamente interessante che potrebbe aprire nuove frontiere per il giornalismo e non solo.

Il funzionamento di Periscope è estremamente semplice: dopo aver scaricato l’applicazione come si fa abitualmente per tutte quelle a disposizione per il nostro cellulare, in modo totalmente gratuito, si passa alla registrazione con lo stesso account Twitter di cui già si dispone, in modo da conservare i propri contatti.
Una volta terminato il processo, non resta che monitorare la timeline, in modo da assistere a tutto quello che sta succedendo in ogni parte del mondo, scegliendo in base alle personali preferenze.
Allo stesso tempo, l’applicazione consente di dare vita ad una interazione in real time con il broadcaster che sta trasmettendo, per mezzo di cuori e messaggi che corrispondono al “like” in uso su Facebook. Andando sulla finestra “say something” si può infatti comunicare con l’utente che ha creato la diretta, aspettando magari una sua risposta a eventuali quesiti.

Una app di questo genere può letteralmente rivoluzionare il giornalismo, amplificando al massimo la possibilità di ognuno di noi di raccontare un evento, trovandosi magari sul luogo di una marcia o una conferenza particolarmente importanti, aggirando eventuali attività di censura delle autorità.
Se l’obiettivo dichiarato degli sviluppatori è la maggior diffusione possibile dello streaming, va però ricordato che una pratica simile non è priva di evidenti rischi. Non tanto quello di assistere ad un gran numero di dirette che lasciano il tempo che trovano, rivelandosi sostanzialmente inutili, quanto il fatto di potersi ad esempio trasformare in un potenziale mezzo di propaganda per scopi più o meno legali, veicolando contenuti che non possono essere testati preventivamente.

Tra i primi ad usare Periscope il rapper J-Ax, il quale ha permesso ai suoi quasi 800mila followers su twitter di seguire da vicino il backstage di The Voice, il talent show di Rai Due. Un esperimento non molto riuscito, in quanto le centinaia di utenti che si erano collegati hanno visto sgranarsi il video e saltare i frame, con una resa non proprio esaltante.
Periscope non è peraltro l’unica app di questo genere, se si pensa che anche Meerkat promette la condivisione dell’attimo fuggente. Una lotta però che al momento sembra già compromessa in partenza, se si pensa che in base ai dati forniti da Topsy.com, nell’arco delle prime 24 ore in cui è apparso l’hashtag #Periscope, sono stati ben 27mila i contatti, contro il migliaio fatto registrare nella settimana precedente.
Insomma, almeno a giudicare dalle prime battute, sembra proprio che il verbo periscopare, con cui viene indicata la pratica già amata da molti vip, sia destinato ad entrare nel nostro lessico di ogni giorno.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi:Setup e Angoli di Gann 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [
In questi giorni sono in molti che si chiedono cos'è successo al mercato delle criptovalute per
La situazione non muta e si nota una persistente condizione di negatività che rimane evidente ana
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Il Ftse Mib inizia la nuova settimana lanciando un segnale positivo. La seduta odierna si è infatti
L’intervento di Mario Draghi di venerdi non mi ha certo sorpreso, proprio perché ha detto tut
Ormai siamo alle strette finali, fra un po’ la legge di bilancio 2019 entrerà nel vivo della disc
Guest post: Trading Room #299. Dopo tanti ribassi, continua la fase di incertezza del grafico FTSE
Analisi Tecnica Perso il supporto in area 19000 il nostrano si porta subito al test del supporto a
Stoxx Giornaliero Buongiorno, siamo quasi arrivati al dunque sul principale indice dell’eur