Cerca nel Blog

Ricerca Censis-Fondazione Generali: giovani precari oggi, anziani poveri domani

Scritto il alle 13:59 da Redazione Finanza.com

“Il 65% dei giovani occupati dipendenti tra i 25 e i 34 anni avrà una pensione sotto i mille euro pur con avanzamenti di carriera medi assimilabili a quelli delle generazioni che li hanno preceduti, considerando l’abbassamento dei tassi di sostituzione”. La ricerca condotta da Censis e Fondazione Generali non restituisce un quadro confortante per la generazione dei “millennials” dai provata da una disoccupazione devastante. Anche perché il riferimento iniziale è a chi, un lavoro dipendente, ha la fortuna di averlo, ossia 3,4 milioni di giovani inseriti nel mercato del lavoro con contratti standard. “Poi ci sono – prosegue il comunicato del Censis – 890.000 giovani autonomi o con contratti di collaborazione e quasi 2,3 milioni di Neet, che non studiano né lavorano”.

Dunque i giovani precari di oggi rischiano di diventare gli anziani poveri di domani. Secondo la ricerca il 53% dei giovani tra 18 e 34 anni (definiti millennials) pensa che la loro pensione arriverà al massimo al 50% del reddito da lavoro. La loro pensione dipenderà dalla capacità che avranno di versare contributi presto e con continuità. “Tuttavia il 61% di questi giovani ha avuto finora una contribuzione pensionistica intermittente perché sono rimasti spesso senza lavoro o perché hanno lavorato in nero. Per avere pensioni migliori, l’unica soluzione e lavorare fino all’età avanzata, allo sfinimento”.
E si potrebbe anche fare, se il “mercato del lavoro” lo permettesse. “Siamo passati dal 69,8% dei giovani millennials occupati nel 2004 al 59,1% dei primi tre trimestri 2014. Il costo sociale di questa perdita di occupazione giovanile è stato pari a 120 miliardi di euro”. Non è un caso quindi che, guardando al futuro, la preoccupazione maggiore sia la perdita di autonomia che l’invecchiamento potrebbe portare. Il 43% degli italiani giovani e adulti teme l’insorgere di malattie, il 41% la non autosufficienza. “Solo il 16% dei giovani si sente tranquillo perché si sta preparando a quel momento con risparmi e polizze assicurative o semplicemente conta sul supporto della propria famiglia”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
L'euforia per la Trumponomics sembra scemare davanti ai primi scogli che sembrano difficili da super
  Al link che trovate di seguito, pubblico la presentazione fatta durante l'eve
L’ora legale sta per tornare. Come di consueto l'appuntamento con il cambio dell'ora è fissato pe
Indice EuroStoxx50 e Settore Bancario
Vi siete sempre chiesti come, in realtà, fosse il confronto (a livello di performance) tra:
No Ragazzi, non è un foto montaggio è una foto autentica, questo è Trump ieri in versione spett
Il FTSE Mib in apertura soffre la presenza di una resistenza di matrice dinamica, disegnata sul graf
Sono ormai anni che si discute di quali siano le responsabilità della moneta unica. Se non ci f
Ieri c’è stato l’incontro a Roma tra il ministro del Lavoro Poletti e i segretari generali di C
Ieri un inviato della Rai a Londra, un pirla qualunque ha dichiarato che hanno attaccato l'Inghi