Banche: Wells Fargo è la più grande al mondo. E in Italia?

Scritto il alle 11:41 da Redazione Finanza.com

Sono le banche americane quelle più conosciute e grandi al mondo, ma presto potrebbero perdere il loro primato a favore di quelle cinesi. E’ ciò che emerge scorrendo la classifica Brand Finance Banking 500, realizzata dalla società di consulenza leader nella valutazione dei marchi Brand Finance.

A livello globale vince Wells Fargo
Tra le banche, Wells Fargo continua ad essere il marchio con maggiore valore al mondo pari a 34,9 miliardi di dollari e con una crescita del 15% rispetto all’anno precedente. Altre banche statunitensi, Citi e Chase, hanno registrato una crescita del valore del marchio di tutto rispetto (entrambe +7%), mentre altre, come Bank of America (-4%), Goldman Sachs (-7%) e JP Morgan (-15%) hanno mostrato un calo.
Tuttavia i colossi della finanza di Wall Street potrebbero essere presto superati dai marchi cinesi. ICBC è passata dal 6° al 2° posto in classifica superando HSBC che adesso è terza a livello mondiale; dall’altro China Construction Bank, che ha già superato HSBC in termini di capitalizzazione, ha visto il proprio marchio crescere del 39% superando Citi, BoA e Chase. Infine Bank of China e Agricultural Bank of China hanno spinto la spagnola Santander in fondo alla top ten.

In Italia vince Unicredit
E’ Unicredit il brand numero 1 delle banche Italiane, anche se quest’anno è uno maggiori perdenti a livello mondiale: il valore di questo marchio è infatti sceso a 5,4 miliardi di dollari (circa 4,45 miliardi di euro) perdendo il 18%. I ricavi di Unicredit sono crollati davanti alle sfide macroeconomiche che hanno intaccato la fiducia dei consumatori e hanno danneggiato i marchi delle banche di tutta Europa.
Banca Popolare di Vicenza è invece la banca italiana che nel 2014 ha avuto il brand più performante. Il valore di questo marchio è pari 267 milioni di dollari ed è aumentato del 42% passando dal 458° al 380° posto nella classifica internazionale di quest’anno. Altre due grandi banche italiane Intesa Sanpaolo e Banco Popolare hanno avuto una piccola crescita del valore del proprio marchio, rispettivamente pari al 3% e al 2%.

I brand delle banche italiane hanno perso complessivamente il 5% del proprio valore. Nell’ultimo anno i marchi delle banche europee sono stati in difficoltà a causa del persistere delle fragili condizioni economiche e dell’incertezza dominante. Infatti, il valore totale dei marchi delle banche spagnole è calato del 2%, il valore delle banche del Regno Unito è calato del 3%, in Germania il calo è stato del 6% e in Francia del 19%.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Password, credenziali bancarie, carte di credito e dati personali sono un patrimonio che va protetto
Lasciamo perdere tutti i discorsi filosofeggianti su debito, shutdown, dazi doganali, crescita e
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano cerca di superare i 20.000 punti in apertura e prende di mira i 20.236 p
Il rapporto debito PIL Usa ed il debito privato preoccupano non solo il Congresso. E' il quadro id
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La fedeltà all’azienda può essere premiante e la tendenza, diffusa soprattutto tra i giovani, di
Analisi Tecnica Abbiamo rotto il livello resistivo a 19860 ma come preventivato ci siamo schiantati
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, l’indice europeo dopo 42 sedute di vita ha dato i
Giorno dopo giorno l'appuntamento del primo marzo, la scadenza della tregua nella guerra commerc