Lavoro: Il posto fisso e l’indeterminato? Solo al Nord

Scritto il alle 14:00 da Redazione Finanza.com

In Italia la ricerca di un lavoro è ormai una prassi che accomuna un po’ tutti ma anche in questo contesto la nazione si spacca a metà con una netta differenza tra Nord e Sud relativamente alla ricerca del famoso “posto fisso”. Al Nord, infatti, si punta con determinazione ancora, appunto, al posto fisso; mentre al Sud si scelgono impieghi occasionali e flessibili, soprattutto nella fascia di età 17-30 anni.

E’ quello che emerge da una ricerca promossa in occasione dell’uscita del libro “Jobs (f)Act” dell’avvocato e assessore al Lavoro della Regione Campania, Severino Nappi.

In sostanza, al Sud il posto fisso è una chimera per i ragazzi che devono far fronte ad un drammatico contesto dove, secondo i dati Istat, la disoccupazione supera il 47% nelle regioni meridionali.

Inoltre, guardando i dati di un sondaggio portato avanti dal programma web “KlausCondicio”, scopriamo che al Sud 7 giovani su 10 si dicono pronti a lavorare anche con poche garanzie sindacali e massima flessibilità, questo quello che dichiarano i 500 giovani che hanno aderito all’iniziativa.

Anche la Nord la situazione è difficile ma persiste qualche speranza sul futuro occupazione, qui, infatti, il 57% del campione si dichiara fiducioso di poter avere un posto fisso. 

E sul tempo Indeterminato? Sempre dal sondaggio emerge come il Sud sembra averci ormai rinunciato, visto che a guidare la top 5 delle Regioni italiane dove i giovani non cercano più un lavoro fisso sono:

  • Campania (7,2%)
  • Sicilia (7,4%)
  • Puglia (7,9%)
  • Molise (8,1%)
  • Calabria (8,5%)

Seguono Toscana (12%), Umbria (12,8%), Marche (13,2%), Emilia (13,8). Più inclini ad un rapporto di lavoro stabile e al tanto agognato posto fisso, invece, in Liguria (48,6%), Veneto (51,8%) e Lombardia (57,1%).

Proprio Severino Nappi ci dice di non sorprenderci troppo di questi dati:poiché la cronica carenza di posti di lavoro al Sud ha costretto, nel tempo, i nostri giovani a diventare flessibili e creativi nell’approccio lavorativo.” E apre ad un futuro 2.0; “Tanti, ormai, scelgono la libera professione, tante le start up innovative nel mondo dell’impresa, tanti coloro che non si fanno demotivare dalla crisi ma la sfidano, con intelligenza e senza lamentarsi. Insomma, giovani concreti, che cercano di costruirsi da soli il proprio futuro”.

Infine sempre dal sondaggio emergono dati non incoraggianti, infatti pare che la crisi abbia abbassato pretese e aspettative nel lavoro, infatti in merito a ciò, il 53% dei ragazzi laureati ha dichiarato di essere disposto a svolgere lavori umili e poco qualificati.

Pur di lavorare scompaiono i limiti logistici e territoriali, ecco allora che il 67% dei campani è disposto a lasciare la propria città nella speranza di trovare un impiego. Non sono da meno i ragazzi calabresi (61%), siciliani (58%) e pugliesi (55%). Meno disposti al trasferimento, invece, sardi (33%) e molisani (31%).

Continua, in tal senso, a sorprendere il nord, dove i ragazzi intervistati, oltre a rivelare la loro speranza in un posto fisso, si dimostrano molto meno inclini a partire da casa. In Veneto, infatti, solo 2 giovani su 10 sono disposti a fare le valigie per lavorare, mentre più convinti della necessità di lasciare la propria città per un impiego i lombardi (24%), seguiti dai ragazzi piemontesi (28%) e friulani (29%).

Più “democratici” al mezzogiorno dove i giovani non sembrano avere particolari preferenze circa il partire o meno. I ragazzi di Lazio, Abruzzo Umbria e Marche infatti si mostrano equamente divisi nella scelta.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Exit strategy e guerra commerciale sono al centro del pensiero degli investitori. Ma oggi cosa sta
Il Ftse Mib prova a impostare un tentativo di rimbalzo dopo il tonfo di ieri, confidando nella tenut
L'ultimo treno, quale migliore metafora per definire quello che sta accadendo in Europa, un titolo
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
SENTIX: scende sotto lo ZERO l'indice di fiducia degli investitori. Ma occorre andare oltre a ques
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano apre debole riavvicinandosi pericolosamente al supporto statico collocat
Lo schiaffone di venerdi è sicuramente pesante da digerire. Una debacle che nasce fondamentalme
La questione dei mutui, in particolare il rischio di un possibile aumento e inasprimento delle c
Per rafforzare l’integrazione pensionistica complementare la Commissione Ue fin dal giugno 2017 ha