Pagamenti Elettronici: arriva Poynt, il POS del futuro che accetta ogni tipo di pagamento

Scritto il alle 10:20 da Redazione Finanza.com

L’ex responsabile di Google Wallet, quel famoso Osama Bedier che solo due anni fa in occasione dell’evento Open Mobile Summit aveva dichiarato che nessuno – lui compreso – stava facendo nulla per innovare l’ambito dei pagamenti elettronici, sta lanciando Poynt, un terminale elettronico capace di accettare ogni tipologia di pagamento. 

Bedier, che è stato anche a capo di Paypal, ha infatti lasciato il colosso dei motori di ricerca per dedicarsi a questo progetto nel quale sembra credere molto: il mondo del commercio è, quindi, oggi pronto a verificare la sua intenzione.

Ma in che cosa consiste esattamente Poynt e perché rappresenta un’enorme novità? In realtà si tratta di un terminale pos che accetta sia i pagamenti tradizionali con bancomat e carte di credito che i nuovi sistemi come Beacon, Nfc e QRCode: in questo modo i clienti possono indistintamente scegliere di pagare con la carta oppure con il proprio smartphone. 

COME SI PRESENTA IL NUOVO POS
Dal punto di vista ‘fisico’, Poynt presenta un doppio schermo: quello per il venditore è di sette pollici mentre quello visibile al cliente è più piccolo e misura 4,3 pollici. 

Viene venduto insieme al software gestionale che gli permette di interagire direttamente con il registratore di cassa per l’emissione dello scontrino. 


L’OPPORTUNITA’ DI POYNT
L’arrivo di Poynt coincide, non certo casualmente, con la molto probabile approvazione di un nuovo regolamento negli Stati Uniti che vedrà tutti gli esercenti americani obbligati ad accettare pagamenti ‘chip & pin’. In questo caso, quindi, circa 16 milioni di terminali pos dovranno essere sostituiti per far spazio a quelli di nuova generazione strutturati per accettare le nuove metodologie di pagamento.

Secondo Bedier, invece, l’innovazione di Poynt consiste proprio in questo: nasce già ‘preparato’ ed abilitato ai nuovi pagamenti e presenta un software interno capace di regolarsi autonomamente su ogni nuova tecnologia. 


QUALI SONO GLI SVANTAGGI
Pochi gli svantaggi del nuovo terminale pos, almeno secondo il suo ideatore. Fra questi sicuramente il prezzo – circa trecento euro – che lo rendono sicuramente più caro di tutti gli altri prodotti presenti sul mercato. Questo potrebbe rappresentare di certo una limitazione alla sua diffusione ma Bedier promette numerosi vantaggi che vanno a giustificare il costo elevato. 

Il problema, ora, prima ancora di riuscire a convincere gli esercenti ad adottare Poynt, sembra essere quello di persuadere le banche a scegliere questa soluzione da proporre, di conseguenza, ai propri clienti. Il mercato sembra ancora un pò scettico ma grande fiducia proviene dagli ambienti interni che può contare su numerosi esperti del settore: il team di Poynt, infatti, è composto interamente da ex dipendenti di Google, Ebay, Hypercom, Apple e Amazon e una delle principali finanziatrici del progetto è Dana Stalder, che di Paypal è l’ex vice presidente.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Analisi Tecnica Rimaniamo sempre in una fase di congestione con il supporto di breve a 21500 che st
Stoxx Giornaliero   Buongiorno a tutti, Stoxx che conferma l’inizio del nuovo ciclo
DJI Giornaliero Buonasera a tutti, ripartiamo con l’analisi del Dow Jones, dopo che l’ult
Settimana che all'apparenza sembra tipicamente estiva, non tanto per il clima ma per gli eventi
Ftse Mib: apre in gap down il listino tricolore italiano che rompe in apertura i 21.750 punti. Impor
Con la sua relazione tecnica sugli effetti del decreto dignità sul mercato del lavoro, e la sua aud
Ormai vi sarete annoiati dei miei moniti sulla Cina. Un paese che ha un debito societario e priv
Etvoilà, all'improvviso il popolo di Icebergfinanza si rese conto di quanto importanti siano le
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Oggi il Ftse Mib si sta comportando nelle prime battute meglio degli altri indici europei dopo aver