Cerca nel Blog

Google premia l’invenzione smart di un 17enne greco, gli incredibili occhiali per i non vedenti

Scritto il alle 10:00 da Redazione Finanza.com

Angelos Getsis frequenta il liceo della città greca di Arta, e ha recentemente vinto il premio locale conferito da Google Science Fair 2014 – un concorso online per ragazzi spaventosamente intelligenti provenienti da tutto il mondo. L’invenzione che lo ha individuato come il più intelligente tra i ragazzi greci di quest’anno è stata una coppia di “smartglasses“, una sorta di piccoli occhiali che aiutano i non vedenti a muoversi in città. Sono rivolti potenzialmente a sostituire i cosiddetti bastoni bianchi (i bastoni utilizzati dai non vedenti), perché gli occhiali di Angelos vibrano per avvisare chi li indossa di eventuali ostacoli.
Anche se Angelos non ha mai incontrato una persona non vedente nella sua vita, spera con questo progetto di poter aiutare le persone con deficit visivo e sensibilizzare anche la gente al problema.

Riportiamo una intervista del sito “vice.com” che ha intervistato il ragazzo relativamente alla sua rivoluzionaria idea:
D.Come hai deciso di prendere parte di Google Science Fair 2014?
Angelos Getsis: Ho partecipato al concorso come spettatore la scorsa estate e sono stato ispirato da un altro partecipante, Harry Ioannou, che era uno dei 15 finalisti. Lui se ne uscì con un guanto che aiutava quelli che non sono abbastanza forti a sollevare da soli oggetti di uso quotidiano, quindi mi sono chiesto se c’era qualcosa che potessi fare per aiutare le persone intorno a me, perché per qualche tempo sono stato impegnato costruendo alcuni oggetti . La competizione di Google è aperta a ragazzi tra i 13 e i 18 anni quindi era perfetta per me. Il mio progetto ha vinto il premio locale, il che significa il primo posto in Grecia ,ma sono stato anche tra i primi sei in Europa e top 32 nel mondo.

D. E’ stata quella la prima volta che hai provato a cimentarti nell’ingegneria?
Non era la prima volta che avevo a che fare con l’ingegneria, ma era la prima volta che costruivo qualcosa per aiutare le persone. Da quando avevo 13 anni, ho lavorato principalmente con la microelettronica e il controllo remoto. Quando ero piccolo, mi piaceva pasticciare con tutto quello che potevo trovare in casa, facendomi ricorrere da mia madre di continuo. Ma con gli occhiali era la prima volta che mi cimentavo nella programmazione. Ho trovato tutto quello che avevo bisogno di sapere su Google e per il resto sono stato un autodidatta.

D. Come ti è venuta l’idea di costruire degli occhiali?
Un giorno questa idea mi attraversò la mente: ho pensato che con alcune piccole modifiche i sensori utilizzati nei robot per la percezione dell’ambiente potevano essere installati negli occhiali, per aiutare qualcuno a muoversi. Ci ho pensato a lungo e intensamente e dopo una settimana di lavoro, li ho realizzati. Mi piaceva rimanere fino a tarda notte a lavorarci sopra, perché dovevo andare a scuola durante il giorno. I miei genitori non sapevano esattamente a che cosa stavo lavorando, ma mi hanno sostenuto.

D. Non ci sono altri prodotti simili sul mercato?
Ho fatto qualche ricerca per vedere se ci fossero progetti simili. La maggior parte degli utenti ha scritto che prodotti simili già esistenti – come i bastoni con componenti elettronici – spesso non sono facili da usare.
Il mio vero concorrente è il semplice bastone bianco. Se si tenta di costruire qualcosa di più complesso di così, si perderà. Quello di cui la gente ha bisogno è qualcosa di semplice ed economico; qualcosa che si può indossare per essere subito pronti a vagare per le strade, senza bisogno di alcun addestramento.

D.Come funzionano gli occhiali?
Sono ancora allo stadio di prototipo. Vanno a batteria e hanno un interruttore on / off. Ho scritto il codice utilizzando il software di programmazione e poi l’ho trasferito agli occhiali. Non ho aggiunto suoni, ma ho installato un motore a vibrazione, in modo che non interferisca con l’udito di una persona cieca. Quando sono a piedi hanno anche bisogno di essere in grado di sentire ciò che sta accadendo nell’ambiente circostante. Ogni volta che un ostacolo è sul loro cammino, i vetri vibrano.

D. Cosa hai usato per metterli insieme?
Avevo già la cornice in camera mia, presa da un paio di occhiali da sole. Ero nella mia stanza pensando a dove installare il meccanismo. Era economico, troppo, quindi era in sintonia con l’intero concetto. Il resto del materiale l’ ho comprato in diversi negozi.
I vetri sono costituiti da un microprocessore e due sensori. Un sensore di prossimità a ultrasuoni e un sensore che rileva la posizione della testa di chi lo indossa, così i vetri “capiscono” quale direzione stanno prendendo.

D. Quant’è il costo dell’intero oggetto?
È finito per costare circa 30-40 euro [£ 25-32].

D. Quanto tempo hai impiegato per farli funzionare?
Hanno lavorato sul primo movimento. Volevo che fossero semplici, perché la cosa più semplice è la più semplice da utilizzare. Non ho incontrato molti ostacoli.

D. Sogni di lavorare un giorno per Google?
Non mi dispiacerebbe affatto, perché sono stato nei loro uffici in Grecia e ho visto anche le foto dei loro servizi in tutto il mondo, e sono molto belle. In questo momento però, il mio piano è quello di rendere questo progetto una realtà.
Questa estate ho cambiato di nuovo gli occhiali. Mi sembra che ci sia spazio per migliorare. Sarebbe fantastico se riuscissi a metterli sul mercato, perché in questo modo si potrebbe effettivamente fare la differenza. In futuro, voglio costruire altre cose per aiutare e cambiare il mondo. Ora che ho iniziato, non voglio smettere.

D. Hai mai incontrato un cieco?
No, non ne ho mai incontrato uno.

D. Si avvicinano le persone con deficit visivi?
Ho visto di recente che il sito di un’associazione di genitori di bambini con deficit visivo ad Atene ha menzionato il mio progetto, e mi ha dato grande gioia perché ho visto che alcune persone ora sanno che c’è qualcuno là fuori che tenta di fare qualcosa per loro. Non sono ancora riuscito a contattare nessuno. Ma questo accadrà probabilmente un po ‘più in la perché in questo momento sono all’ultimo anno di scuola e devo concentrarmi sullo studio.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Yen contro tutti
L'euforia per la Trumponomics sembra scemare davanti ai primi scogli che sembrano difficili da super
  Al link che trovate di seguito, pubblico la presentazione fatta durante l'eve
L’ora legale sta per tornare. Come di consueto l'appuntamento con il cambio dell'ora è fissato pe
Indice EuroStoxx50 e Settore Bancario
Vi siete sempre chiesti come, in realtà, fosse il confronto (a livello di performance) tra:
No Ragazzi, non è un foto montaggio è una foto autentica, questo è Trump ieri in versione spett
Il FTSE Mib in apertura soffre la presenza di una resistenza di matrice dinamica, disegnata sul graf
Sono ormai anni che si discute di quali siano le responsabilità della moneta unica. Se non ci f