Alibaba: Ipo storico, ecco la storia e i segreti del successo del creatore Jack Ma

Scritto il alle 15:00 da Redazione Finanza.com

Jack Ma è un imprenditore cinese famoso per aver creato l’Alibaba Group, colosso del web made in China attivo in più campi, dai pagamenti on line ai portali per l’aggregazione aziendale fino al mondo delle carte di credito.
Quali sono i segreti del suo successo e come ha fatto a raggiungere questi risultati in un paese difficile come puó essere la Cina? Scopriamolo insieme!

Jack Ma nasce ad Hangzhou nel 1964. Sin da piccolo mostra predisposizione a programmare il futuro e inizia a studiare da autodidatta l’inglese, facendo gratuitamente da guida turistica per i turisti per migliorare le proprie competenze linguistiche. Sarà lui stesso a raccontare che percorreva in bicicletta 40 chilometri per fare da guida turistica senza alcun compenso, animato solo dalla voglia di apprendere l’inglese da lui identificato come la lingua capace di aprirgli le porte del mondo.
Proprio così, nel 1979, conosce una famiglia australiana che sei anni dopo lo ospiterà per una breve vacanza in Australia: sarà l’evento che imprimerà un nuovo corso alla sua vita perché gli farà aprire gli occhi sul mondo fuori dalla Cina.

Dopo aver fallito per ben due volte l’esame di ammissione all’università riesce alla fine ad iscriversi alla Hangzhou Teachet’s University dalla quale uscirà nel 1988 con una laurea in inglese. Inizia così la sua attività di insegnante grazie alla quale compie un viaggio a Seattle nel 1995 durante il quale ha occasione di vedere per la prima volta Internet: sarà amore a prima vista. Tornato in patria, chiede ed ottiene un prestito di 2000 dollari per avviare il sito China Yellowpages, una sorta di pagine gialle cinesi, nonostante la sua totale inesperienza nel campo.

È sicuramente il 1998 però l’anno della svolta. Raccolti sessantamila dollari grazie a 18 amici, fonda Alibaba.com che l’anno successivo diventa Alibaba Group. Da quel momento in poi si susseguono le intuizioni geniali che lo portano prima a fondare la piattaforma di ecommerce Taobao, poi nel 2004 Alipay, uno strumento di pagamento elettronico. Nel 2005 Alibaba Group acquisisce Yahoo! China.

Ed oggi? È considerato dalla rivista Times uno fra i cento uomini più potenti del mondo nonché aver avuto l’onore – primo imprenditore in assoluto della Repubblica Cinese – di comparire sulla copertina di Forbes, la celebre rivista. La stessa rivista l’ha inserito nella speciale classifica riservata agli eroi della filantropia in Asia grazie al suo impegno umanitario nella battaglia contro la povertà. Attualmente, con un patrimonio che sfiora i tre miliardi e mezzo di dollari, è considerato il 395esimo uomo più ricco del mondo.

La chiave del suo successo? È lo stesso Jack Ma a svelarla in una recente intervista quando ha dichiarato che nella vita il segreto è guardare costantemente avanti con fiducia al futuro, sempre più tecnologico. Fiducia nel progresso e soprattutto nei propri mezzi che lo hanno condotto fino alla quotazione a Wall Street del suo colosso, un passo questo che altro non è che “una stazione di servizio lungo la strada verso il futuro”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Apertura sotto la parità con volatilità ridotta per il Ftse Mib nell'ultima seduta della settima
Questo post era già pronto da un paio di giorni e ma come spesso accade di questi tempi davve
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Ultimo giorno di versione integrale dei grafici da non perdere. Avvicinandomi ai mercati finanzia
Piazza Affari consolida i rialzi e scambia ancora in trading range. L'indice FTSE Mib veleggia fra i
Il confronto avviato lo scorso anno fra i sindacati ed il governo sulle pensioni, ha permesso di giu
Era assolutamente scontato un “nulla di fatto” sui tassi di interesse, al FOMC chiusosi ieri
                Iniziamo da qui.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
La “mano invisibile” di Smith negli ultimi anni è stata molto meno invisibile di quanto si