Prodotti Bio: nonostante la crisi il mercato è cresciuto del 220% in dieci anni

Scritto il alle 10:30 da Redazione Finanza.com

La crisi ormai comincia seriamente ad incidere anche sulle scelte alimentari: sempre più consumatori cercano di diminuire i propri consumi anche in questo campo. Ma non tutti i settori dell’agroalimentare sono ugualmente sofferenti. Ve ne è uno, in particolare che ha visto crescere le proprie vendite in maniera considerevole: stiamo parlando del biologico. Negli ultimi dieci anni le vendite di prodotti bio sono cresciute, stando ai dati pubblicati da Nomisma, di circa il 220%. Una crescita davvero marcata soprattutto per lo stato nel quale versa la nostra economia.

Un dato davvero sorprendente, visto anche che i consumi alimentari in generale, secondo quanto reso noto da Coldiretti, sono regrediti ai livelli del 1981, un balzo indietro di ben 33 anni. Ancora più sorprendente è il dato che riguarda i canali attraverso i quali avvengono gli acquisti di prodotti bio: non è, come sarebbe lecito attendersi, la grande distribuzione a beneficiare maggiormente di questa impennata, ma i piccoli rivenditori specializzati, che nell’ultimo anno hanno realizzato vendite per circa 1 miliardo di euro, a fronte di un giro di affari di 2,3 miliardi.

Tra i prodotti maggiormente venduti non ci sono solamente i prodotti tradizionali del settore bio, quindi frutta e verdura (+11%), ma anche pasta, riso, sostituiti del pane (+73%), miele (+19%), caffè (+37%), dolciumi (+15%) e uova (circa il 12% del mercato totale), senza dimenticare i settori in cui il biologico è ormai leader indiscusso del mercato, come le gallette di riso e le composte di frutta (circa 80% del mercato totale).

Aumenta anche la platea di fruitori: il numero di famiglie che nel corso dell’ultimo anno ha acquistato almeno un prodotto bio è salita dal 53% (dato relativo al 2012) al 59%. Vale a dire che nell’ultimo anno 6 famiglie italiane su 10 hanno scelto di acquistare questa tipologia di prodotti. In crescita, secondo Nomisma, anche l’incidenza del settore sulla spesa alimentare delle famiglia: si calcola che il bio pesi per il 2% sulla spesa alimentare famigliare, un dato decisamente confortante per il settore se paragonato a quello di solo qualche anno fa, quando la quota riservata al biologico era quasi trascurabile.

Si tratta certamente di una scelta molto interessante e non solo per quanto riguarda gli operatori del settore. Un aumento così marcato nel consumo di questo tipo di prodotti potrebbe stare a significare anche una maggiore consapevolezza nelle abitudini alimentari, che si traduce in una ricerca di un prodotto naturale e privo di componenti artificiali. Una scelta che sta ad indicare una maggiore attenzione alla qualità degli alimenti presenti sulle tavole e una preoccupazione maggiore per la loro genuinità. Un atteggiamento lodevole sia per i consumatori, che premia la serietà e la passione degli operatori di questo particolare settore. E secondo Nomisma il settore ha ancora notevoli margini per crescere, con la concreta possibilità di attrarre anche coloro che ancora non hanno provato questo tipo di prodotti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Apertura positiva per Piazza Affari, con il Ftse Mib che con un avvio in area 21.300 punti contabili
Il governo non demorde sulla pensione di cittadinanza e del relativo importo mensile di 780 euro, no
GAM: liquidazione dei fondi unconstrained/absolute return bond funds completata nei prossimi mesi.
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso nell'ultimo manoscritto di Machiavelli, nella
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Forse qualcuno si sarà chiesto che fine avrò fatto. Purtroppo la vita spesso ci riserva delle
Ftse Mib: l'indice italiano è tornato sulla prima resistenza statica importante  a 21.122 punti, d
Riproduzione riservata STAY TUNED! Danilo DT (Clicca qui per ulteriori dettagli) Segui @in
Continua la costante e persistente sottovalutazione degli effetti della guerra commerciale in at
Sorpresa. Inflazione meno forte del previsto. Questo è un dato che potrebbe dare una boccata di o