Agricoltura Biologica 2.0: Arrivano i distributori automatici di frutta e verdura fresca a km 0.

Scritto il alle 10:30 da Redazione Finanza.com

Sono sempre di più le persone che scelgono di acquistare esclusivamente frutta e verdura freschi e biologici, tagliando la filiera e rivolgendosi direttamente ai produttori. Un giro d’affari notevole, in crescita negli ultimi anni, che permette di seguire uno stile di vita sano, controllando sempre la provenienza della frutta e della verdura acquistati.
Un sistema di filiera ridotta, che ha permesso la nascita dei cosiddetti farmer market, soprattutto in Francia, ossia dei veri e propri negozi di alimentari gestiti dagli stessi agricoltori, che avevano dato il via a una catena di negozi apprezzatissimi e frequentati.

Tuttavia,anche in campo commerciale e agricolo, l’evoluzione dei metodi porta a degli inevitabili cambiamenti e i farmer market stanno lentamente lasciando il passo a sistemi di distribuzione di frutta e verdura a km 0 più innovativi e, a ben vedere, anche convenienti per gli agricoltori.

Attualmente, sono più di 100 gli agricoltori francesi che hanno aderito all’iniziativa di introdurre i loro prodotti in dei veri e propri distributori automatici di frutta e di verdura ed è stato calcolato che entro la fine dell’anno saranno altrettanti coloro che si adegueranno alla nuova tecnologia.
Del tutto simili alle comuni macchinette che siamo abituati a conoscere nei distributori automatici di snack, questi installati presso le fattorie erogano esclusivamente prodotti della terra, freschi e selezionati, disponibili in base alle stagioni.
Nonostante il boom sia avvenuto negli ultimi mesi, questo sistema di distribuzione è stato messo a punto nel 2008: una rivoluzione nel mondo del commercio ortofrutticolo, perché sono tante le persone che per moda o per necessità, vogliono affidarsi al commercio etico e a filiera ridotta, potendo contare su prodotti che non sono stati manipolati e che non vengono sottoposti a trattamenti e a diversi passaggi prima di essere immersi nel mercato.
Un altro grande vantaggio dei distributori automatici di frutta e verdura è che rendono possibili gli acquisti sette giorni su sette, a qualsiasi ora del giorno e della notte, festivi inclusi: una comodità da non sottovalutare, soprattutto per chi lavora e non riesce a rispettare gli orari di chiusura dei supermercati o per chi non riesce a recarsi dal fattore personalmente per fare gli acquisti biologici.

Stando a quanto spiegato dal colui che ha ideato questo sistema di distribuzione, affinché i distributori abbiano successo è necessario che vengano installati in posizioni strategiche, vicini alle città ma non lontane dall’azienda agricola che le rifornisce. Devono avere un ampio parcheggio a disposizione e devono essere inserite in un posto con elevata densità di traffico. non mancano però coloro che hanno scelto di installare i distributori in azienda, sfruttando il vantaggio di poter ricaricare in qualunque momento i prodotti esauriti, facendo contemporaneamente avvicinare i curiosi alle attività che svolgono in azienda.
Ovviamente, il fattore si impegna a rifornire spesso i suoi distributori, sia che siano in azienda sia che si trovino in città: per garantire una certa continuità di disponibilità dei prodotti, le macchinette devono essere rifornite da una a dieci volte al giorno, in base ai prodotti, ed è importante che siano sempre freschi e genuini, selezionati dall’agricoltore prima di essere inseriti per la distribuzione.
Secondo i primi studi effettuati sull’efficienza dei distributori, si è notato che la maggior affluenza nei giorni feriali si ha dalle 16 alle 20, gli orari di uscita dai posti di lavoro, mentre nei week end l’affluenza è più o meno omogenea durante tutta la giornata.
Questa tecnologia è presente anche in Italia ma nel solo centro di Ravarino e si studiano le possibilità per diffondere i distributori di frutta e verdura automatici anche in altre località.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha c
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi
Avvio in marginale ribasso per il Ftse Mib che comunque resta in quota sopra 23.700 in una situazion
Tra gli alti ed i bassi teoricamente imprevedibili, qualcosa di molto metodico, invece, è visib
La Covip da anni denuncia una voragine informativa specie per quanto riguarda la cultura previdenzia
Ieri è uscito il libricino della Federal Reserve e all'improvviso sono tornati in augue i teori
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Incentivi alla quotazione per le Piccole e Medie imprese ancora in primo piano. Ieri nel corso della
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue la sua corsa verso i 24.000 punti e rimane orientato positivame