Casa: la crisi rilancia l’affitto, ma i canoni scendono. Prezzi crollano a Catania e Genova

Scritto il alle 08:00 da Redazione Finanza.com

Le compravendite al palo e le spese crescenti legate alla casa hanno rilanciato l’affitto, ma i canoni si sono contratti anche nel corso del 2013. Una tendenza messa in evidenza dal portale di annunci immobiliari Idealista.it, che ha monitorato l’andamento dei prezzi di 20.902 immobili nelle città capoluogo italiane.

E da quest’anno i proprietari saranno maggiormente stimolati a mettere la loro casa sul mercato. Oltre all’Imu e alla nuova tassa sui rifiuti, arriva infatti un’ulteriore aggravio per le tasche del contribuente: l’Irpef per gli immobili non locati. Un nuovo balzello che andrà inevitabilmente ad aumentare l’offerta di abitazioni, per questo la tendenza a ribasso dei canoni dovrebbe confermarsi per tutto il corso del 2014.

Dopo la perentoria discesa dei canoni del 2012 si attenuano i ribassi nelle città metropolitane: Roma (-4,7%) e Milano (-2,4%) vanno a ritmi diversi verso la stabilizzazione, mentre Napoli (0,2%) ha già fermato la caduta.

Dallo studio di Idealista.it, effettuato nei centri maggiori, emerge che molti proprietari hanno abbassato le loro pretese. Si spiegano così i decrementi diffusi in 9 delle 12 città campione per cui è stato possibile rilevare l’andamento dei prezzi nel corso di tutto l’anno.

Il tonfo maggiore del 2013 spetta a Catania (-10,8%), dove si registra un crollo a due cifre rispetto ai valori di riferimento dello stesso periodo dell’anno scorso; via via che si sale nella graduatoria dei ribassi, c’è Genova (-9,3%) e il capoluogo siciliano, Palermo, che segna un -6,6%. Rispetto a un anno fa affittare una casa costa meno anche a Padova (-6%), Firenze (-5,3%) e Torino (-2,5%).

Le eccezioni non mancano. Nonostante la performance negativa gli affitti sotto la madonnina restano i più salati d’Italia. I proprietari milanese chiedono una media di 14,3 euro al metro quadrato, contro i 13,4 euro/m2 richiesti a Roma e gli 11,7 euro/m2  di Firenze.  Tra le città dove le richieste sono a due cifre rientra anche Venezia con i suoi 11,3 euro al metro quadro. Il capoluogo lagunare segna anche il maggior balzo annuale con una crescita nell’ordine del 5,6%, un mercato per lo più turistico e studentesco.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Uno dei principali ostacoli all’adesione alla previdenza complementare era costituito dall’obbli
Periodo di trimestrali USA e non solo. Qui vi presenterò un sunto di quanto sta accadendo; ma non
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha c
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi
Avvio in marginale ribasso per il Ftse Mib che comunque resta in quota sopra 23.700 in una situazion
Tra gli alti ed i bassi teoricamente imprevedibili, qualcosa di molto metodico, invece, è visib
La Covip da anni denuncia una voragine informativa specie per quanto riguarda la cultura previdenzia
Ieri è uscito il libricino della Federal Reserve e all'improvviso sono tornati in augue i teori
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )