Mutui subprime: banche europee e americane sotto inchiesta per presunta frode

Scritto il alle 10:42 da Redazione Finanza.com

Le banche finiscono nuovamente nel mirino della giustizia statunitense. Motivo? E’ sempre lo stesso, quello che ricorre puntualmente da diversi anni: una nuova indagine legata ai mutui subprime. Secondo quanto rivelato dall’autorevole “The Wall Street Journal” le autorità starebbero investigando su una presunta truffa compiuta negli anni successivi alla crisi finanziaria: diversi istituti di credito statunitensi ed europei avrebbero ingannato i clienti, falsando deliberatamente i prezzi di alcune obbligazioni legate ai subprime. Pur di non tenersi  in pancia quei cosiddetti “titoli tossici” gli istituti di credito statunitensi ed europei avrebbero manipolato i prezzi.

Tra le banche finite sotto la lente di ingrandimento delle autorità federali statunitensi  “The Wall Street Journal“, che cita fonti vicine alle indagini, indica Barclays, Citigroup, Deutsche Bank, Goldman Sachs, J.P. Morgan Chase, Morgan Stanley, Royal Bank of Scotland Group e UBS.

L’inchiesta è un nuovo potenziale duro colpo per le banche, che stanno cominciando solo ora a gettarsi alle spalle i problemi legati alla crisi e andare oltre la rigida sorveglianza a cui sono state sottoposte negli anni scorsi per il loro ruolo nella bufera finanziaria scoppiata nel 2008. Le indagini, precisa il quotidiano finanziario americano, sono iniziate meno di un anno fa e per questa ragione sono da considerarsi in una fase iniziale”. A condurre l’inchiesta la Securities and Exchange Commission, la Consob americana e l’ispettore generale per il Troubled Asset Relief Program, ovvero Sigtarp.

Tra le banche sotto indagine anche J.P. Morgan che solo qualche giorno fa ha raggiunto un accordo con le autorità statunitensi per chiudere la vertenza relativa il coinvolgimento nel caso Madoff. Secondo l’accusa, la banca statunitense avrebbe “chiuso un occhio” sulla colossale truffa architettata dal finanziere Bernard Madoff. L’intesa, secondo quanto dichiarato da un portavoce della società, prevede il pagamento di una multa da 1,7 miliardi di dollari.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati, faccio un veloce aggiornamento sulla situazione
Mentre scrivo questo articolo, il mercato delle criptovalute sta passando un momento di profondo
Il grande protagonista (oltre alla Lira Turca) è sicuramente il Dollaro USA che si dimostra val
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
L’ho detto in passato e lo ripeto. Abbiamo sottovalutato quell’uomo. Dietro all’aspetto de
La crisi turca non cambia, al momento, l'impostazione degli operatori della borsa USA. C'è quindi
Agosto non si smentisce e quando meno te lo aspetti, eccoti arrivare la sorpresina. La crisi Turca
Cari amici lettori, il vostro autore scapestrato prova ad andare qualche giorno in ferie.
Noi questa volta partiamo da qui, dall'articolo del Sole 24 Ore, ma soprattutto dall'esposizione