Euro/dollaro: differenza di vedute

Scritto il alle 17:06 da Redazione Finanza.com

Qualche giorno fa e ben prima dell’intervento di Bernanke della Fed in cui si è dibattuto circa una limitazione prima e un’interruzione poi degli aiuti all’economia, ho letto l’analisi del cross Euro/dollaro da parte di Goldman Sachs che lo vede a 1,34 tra tre mesi, a 1,37 tra sei mesi e 1,40 tra un anno. Mi sembrava un’ipotesi paradossale e difficilmente percorribile in quanto la valuta europea avrebbe dovuto rafforzarsi sul dollaro pur in presenza di un’economia in forte crisi e di serie difficoltà per i titoli di Stato dei Paesi europei.

Dopo la contrazione degli stimoli monetari da parte della Fed il cross è sceso in maniera netta ed oggi viaggia leggermente al di sotto di 1,30.

Secondo Merrill Lynch invece, il cambio euro/dollaro è destinato a correggere fino a quota 1,25. La banca d’affari americana è particolarmente convinta che la dinamica del cross sarà ribassista, tanto che gli obiettivi potrebbero essere ancora più ambiziosi: prevede un generale rafforzamento del dollaro con particolare riguardo alla valuta europea per le difficoltà oggettiva della zona Euro. A ciò bisogna aggiungere i segnali macro positivi che potrebbero aumentare l’interesse verso i titoli di stato e bond in dollari a cui seguirebbe ineluttabile l’apprezzamento del biglietto verde.

Deutsche Bank vede il cross in discesa fino a 1,28 sulla base del fatto che l’azionario a Wall Street dovrebbe sovraperformare rispetto alle piazze europee.

Opinioni quindi decisamente discordanti. Quello che invece dovrebbe essere sottolineato è che in questo momento un refolo di vento genera sconquassi e una dichiarazione di Draghi o un dato della disoccupazione troppo incoerente rispetto alle attese potrebbe generare un accrescimento di volatilità da una parte o dall’altra.

Va da sè che sulla base di quanto affermato, oggi fare una previsione a un mese mi sembra azzardato per il rischio crescente di commettere importanti errori di valutazione.

Il Forex è il mercato più trattato e  il più liquido al mondo. Facendo trading con i CFD sul Forex  i trader possono negoziare qualsiasi volume con spread e margini altamente competitivi. Inoltre, il mercato Forex è meno esposto al rischio di slippage.

Mauro Masoni, CMC Markets

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Il nostro Machiavelli non ha mai avuto la fortuna di conoscere Michelangelo Merisi, in arte Cara
Io me lo immagino il buon Donald che canta la canzone dei Ricchi e Poveri, indubbiamente più ri
Ftse Mib: avvia la seduta in ribasso dopo aver toccato ieri i massimi da luglio 2018. 22.000 punti
Per motivi di contenimento della spesa pubblica, i trattamenti di fine servizio e fine rapporto, com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l'indice italiano resta sulla resistenza statica collocata a 22.000 punti. Livello importa
Non ho idea di cosa si inventerà Trump per sventolare ai suoi elettori un eventuale accordo con
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Bacco è di casa in Italia, che vanta 3.000 aziende legate alla produzione di vini e alla coltiv
C'è un sito americano che da tempo si dedica a collezionare articoli nei quali giornalisti ed e