Cerca nel Blog

Euribor: le nuove raccomandazioni di Esma e Eba

Scritto il alle 16:26 da Redazione Finanza.com

L’11 gennaio 2013 l’European Securities and Markets Authority (ESMA) e l’European Banking Authority (EBA) hanno formulato una serie di raccomandazioni volte ad affrontare le attuali carenze e insufficienze individuate nel processo di definizione del tasso Euribor. ESMA e l’EBA hanno chiesto una rapida attuazione delle 10 indicazioni fornite, che vanno a sommarsi alle raccomandazioni fatte alle singole autorità nazionali riguardanti la vigilanza sulle banche che partecipano al fixing, annunciando che procederanno all’esame dell’attuazione da parte dell’ Euribor-European Banking Federation (EEBF) entro 6 mesi dall’11 gennaio 2013.

I 10 punti indicati delle 2 autorità sono i seguenti:

1) Miglioramento immediato della governance, compreso dell’aumento dell’indipendenza del comitato direttivo dell’Euribor dal settore bancario, da attuarsi tramite la diversificazione dei suoi membri;

2) Il Comitato direttivo dovrà tenere riunioni più regolari e pubblicare prontamente il verbale;

3) I riferimenti per l’Euribor dovranno concentrarsi sulle scadenze più usate e con il più alto volume annesso alle operazioni sottostanti. Questo porterà a una riduzione del numero di Euribor fissati, dagli attuali 15 (1-3 settimane e 1-12 mesi) a non più di 7 (1 e 2 settimane, 1, 3, 6, 9 e 12 mesi);

4) La definizione di Euribor dovrà essere più chiara, ossia andranno definit dire le definizioni di dettaglio banca principale e di transazioni interbancarie;

5) EEBF dovrà assumersi la responsabilità per la qualità dei dati che verranno forniti dalle banche del gruppo e, successivamente, raccolti, calcolati e distribuiti;

6) Il governo EEBF e il codice di condotta dovrà essere migliorato e rafforzato, in particolare per quanto riguarda l’identificazione e la gestione dei conflitti di interesse;

7) EEBF dovrà eseguire audit interni cui seguirà un audit esterno con la comunicazione al pubblico dei risultati;

8) EEBF dovrà definire chiaramente le sue aspettative minime per quanto riguarda le procedure interne e dei controlli oggetto di applicazione da parte dell’agente di calcolo;

9) L’agente di calcolo deve avere un proprio codice di condotta relativo al tasso di riferimento di impostazione, eseguire audit interni ed essere oggetto di una revisione annuale EEBF;

10) Sia EEBF sia l’agente di calcolo dovranno tenere registrazione completa di tutte le richieste.

Riccardo Designori

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
E' stato tra i temi di discussione sul tavolo del G7 che si è tenuto a maggio a  Taormina. E di r
Apertura di seduta intorno alla linea di parità per il Ftse Mib. L'indice rimane nelle vicinanze
luglio 21, 2017 Dopo il Bund prenderei la seconda variabile indicata questa mattina c
In considerazione del discorso molto distensivo del numero uno della BCE di Mario Draghi tenuto ieri
Si è appena spenta l’eco dell’ultima dichiarazione  del presidente dell’Inps alla Commission
Il filo logico ovviamente mi porta a dover riprendere da dove avevo lasciato ieri, non tanto sui
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Ieri a Piazza Affari è stata presentata l’ultima versione dell’Osservatorio AIM Italia elabor
In attesa che oggi il nulla con un banchiere intorno, Mario Draghi illumini i mercati su cosa i
Il mercato però è strano. E’ vero che siamo in un periodo estivo e quindi spesso si vivono c