Euribor: le nuove raccomandazioni di Esma e Eba

Scritto il alle 16:26 da Redazione Finanza.com

L’11 gennaio 2013 l’European Securities and Markets Authority (ESMA) e l’European Banking Authority (EBA) hanno formulato una serie di raccomandazioni volte ad affrontare le attuali carenze e insufficienze individuate nel processo di definizione del tasso Euribor. ESMA e l’EBA hanno chiesto una rapida attuazione delle 10 indicazioni fornite, che vanno a sommarsi alle raccomandazioni fatte alle singole autorità nazionali riguardanti la vigilanza sulle banche che partecipano al fixing, annunciando che procederanno all’esame dell’attuazione da parte dell’ Euribor-European Banking Federation (EEBF) entro 6 mesi dall’11 gennaio 2013.

I 10 punti indicati delle 2 autorità sono i seguenti:

1) Miglioramento immediato della governance, compreso dell’aumento dell’indipendenza del comitato direttivo dell’Euribor dal settore bancario, da attuarsi tramite la diversificazione dei suoi membri;

2) Il Comitato direttivo dovrà tenere riunioni più regolari e pubblicare prontamente il verbale;

3) I riferimenti per l’Euribor dovranno concentrarsi sulle scadenze più usate e con il più alto volume annesso alle operazioni sottostanti. Questo porterà a una riduzione del numero di Euribor fissati, dagli attuali 15 (1-3 settimane e 1-12 mesi) a non più di 7 (1 e 2 settimane, 1, 3, 6, 9 e 12 mesi);

4) La definizione di Euribor dovrà essere più chiara, ossia andranno definit dire le definizioni di dettaglio banca principale e di transazioni interbancarie;

5) EEBF dovrà assumersi la responsabilità per la qualità dei dati che verranno forniti dalle banche del gruppo e, successivamente, raccolti, calcolati e distribuiti;

6) Il governo EEBF e il codice di condotta dovrà essere migliorato e rafforzato, in particolare per quanto riguarda l’identificazione e la gestione dei conflitti di interesse;

7) EEBF dovrà eseguire audit interni cui seguirà un audit esterno con la comunicazione al pubblico dei risultati;

8) EEBF dovrà definire chiaramente le sue aspettative minime per quanto riguarda le procedure interne e dei controlli oggetto di applicazione da parte dell’agente di calcolo;

9) L’agente di calcolo deve avere un proprio codice di condotta relativo al tasso di riferimento di impostazione, eseguire audit interni ed essere oggetto di una revisione annuale EEBF;

10) Sia EEBF sia l’agente di calcolo dovranno tenere registrazione completa di tutte le richieste.

Riccardo Designori

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
FTSE Mib: Apre in lieve ribasso il listino italiano dopo aver evidenziato ieri una seduta interloc
Come già detto negli ultimi giorni continuiamo ad ignorare i dati provenienti dall'economia ame
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere dall’im
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di questa cri
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute precedenti anda
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di natura social
Non ci sono particolari novità, anche se lo SP500 ha dato qualche segnale di debolezza. La situaz